la mia scuola

quando penso alla Scuola io penso ad un insegnante con dei bambini,
non importa se in un’aula ricca di arredi, di tecnologia, di giochi … o in un luogo dove c’è solo una lavagna e qualche banco malandato: un insegnante con i suoi bambini sono la Scuola

e penso che tutte le classi del mondo anche se molto diverse tra loro hanno molte cose in comune: anzitutto una classe è il luogo dei sogni dei bambini.
Se entriamo in qualsiasi aula in qualsiasi luogo e chiediamo a un bambino o a una bambina cosa farà da grande, egli dirà: il pilota, il medico, la ballerina … l’insegnante

la classe, non importa dove si trovi, è il luogo dove un futuro migliore può essere costruito attraverso i sogni dei bambini che lì, nella classe, possono essere coltivati, sostenuti, ma possono essere anche spezzati
la responsabilità di ogni insegnante verso il sogno di ogni bambino, soprattutto per chi ha meno possibilità dentro o attorno a sé, è davvero grande
un buon insegnante la sente, forte e se gli chiediamo di esprimere un desiderio ti dirà, in vari modi, con parole diverse la stessa cosa: arrivare a tutti, con le migliori possibilità, con la Miglior Scuola

Ecco: io immagino la passione di questo insegnante ma anche la sua fatica nel dover fare sempre di più con meno in classi sempre più numerose, che sembrano scoppiare più di problemi che di opportunità

io immagino la fatica di moltissimi insegnanti, che credono nel loro lavoro e che vogliono sostenere il sogno di ciascun bambino sia dentro una classe tre punto zero che in una classe zero punto zero

io immagino la loro fatica e dico che questa fatica va sostenuta concretamente con strumenti efficaci che consentono di costruire un ambiente di apprendimento straordinario dove insegnare ed apprendere risultino anche divertenti

E’ questo che io immagino: che ogni educatore, in qualsiasi luogo o situazione, con un normale dispositivo ed un semplice clic possa connettersi ad un ambiente ricco di strumenti e idee in grado di ricaricare energia e passione, di ridare nuovo motivo al proprio impegno e alla volontà di dare la Miglior Scuola a tutti, non uno di meno.

Ed è questo il mio impegno perché sento, seppur al mio posto e nella mia classe, di lavorare in una Scuola che va oltre le mura della mia classe e della mia piccola scuola e che comprende tutti le classi, tutti gli insegnanti e tutti bambini del mondo, non uno di meno