Che ce ne rendiamo conto o meno abbiamo tutti un nostro stile nel fare.

Ciò che dice Richard Skemp ci può aiutare molto a comprendere il nostro stile.

Egli distingue matematica strumentale da matematica relazionale.

La matematica strumentale è basata su

  • formule 

  • ricordare

  • esercizi

  • prodotti

essa richiede meno conoscenze, è più facile, i suoi risultati sono più immediati

La matematica relazionale è basata su

  • ragionamenti 

  • pensare

  • problemi

  • processi

essa si adatta meglio a nuovi compiti, è più facile da ricordare, è più efficace

Io sono molto d'accordo con questo e dico anche che la matematica può e deve essere anche partecipata, camminata, sperimentata attivamente più che ascoltata ed assorbita passivamente